Servizi AFAM 16 Marzo 2022
SERVIZI
Scopri i numerosi servizi offerti dalle nostre Farmacie!
  • A cosa serve: è utilizzata per la valutazione della composizione corporea (massa grassa, massa magra, acqua totale), utile per la diagnostica nutrizionale e per l’attività sportiva.
  • A cosa serve: test breve non invasivo in telemedicina che riproduce graficamente l’attività elettrica del cuore, utile per controlli d’urgenza e negli screening ad uso sportivo.
  • A cosa serve: test non invasivo in telemedicina che registra in maniera continuativa il tracciato ECG nel corso delle 24 ore che valuta l’attività elettrica del cuore consentendo al cardiologo di valutare eventuali patologie cardiache.
  • A cosa serve:test non invasivo in telemedicina che permette di registrare a scadenze prestabilite la pressione arteriosa in maniera continuativa per 24 ore, indicato per un monitoraggio dei picchi pressori nei diversi momenti del giorno e della notte.
  • A cosa serve: permette di tenere sotto controllo il peso corporeo e di calcolare insieme ad altri valori il B.M.I.
  • A cosa serve: analisi strumentale non invasiva per controllare al momento i valori pressori diastolici, sistolici e pulsazioni.
  • A cosa serve: indica la valutazione del colesterolo totale, HDL, LDL e trigliceridi, utile per la valutazione e prevenzione degli stati aterosclerotici.
  • Come viene fatto: prelevando una goccia di sangue attraverso una piccola puntura del polpastrello.
  • Cosa occorre: digiuno da circa 9-12 ore.
  • Risultati in quanto tempo: pochi minuti.
  • A cosa serve: indicano i grassi presenti nel sangue derivanti dall’alimentazione e dal metabolismo, spesso associati a diete ricche di carboidrati e alimenti ad alto contenuto lipidico.
  • Come viene fatto: prelevando una goccia di sangue attraverso una piccola puntura del polpastrello.
  • Cosa occorre: digiuno da circa 9-12 ore, non consumare alcol nelle 24 ore precedenti al test.
  • Risultati in quanto tempo: pochi minuti.
  • A cosa serve: indica la concentrazione di colesterolo totale presente nel sangue, utile per la determinazione di disordini metabolici o alimentari.
  • Come viene fatto: prelevando una goccia di sangue attraverso una piccola puntura del polpastrello.
  • Cosa occorre: il paziente può sottoporsi al prelievo non necessariamente a digiuno.
  • Risultati in quanto tempo: il risultato è disponibile in pochi minuti.
  • A cosa serve: misura le lipoproteine ad alta densità (HDL) che hanno il compito di trasportare il colesterolo dai tessuti periferici al fegato rimuovendolo dalle arterie e per questa sua funzione è spesso definito “colesterolo buono”.
  • Come viene fatto: prelevando una goccia di sangue attraverso una piccola puntura del polpastrello.
  • Cosa occorre: digiuno da circa 9-12 ore.
  • Risultati in quanto tempo: pochi minuti.
  • A cosa serve: misura il valore delle lipoproteine a bassa densità (LDL) che trasportano il colesterolo dal fegato ai tessuti promuovendone il deposito nelle arterie. Serve per valutare il rischio di sviluppare malattie cardiache; per monitorare l’efficacia di terapie e per contrastare un’eccessiva concentrazione di lipidi. Per determinare il valore del colesterolo LDL è necessario conoscere i valori di colesterolo totale, colesterolo HDL e trigliceridi.
  • Come viene fatto: prelevando una goccia di sangue attraverso una piccola puntura del polpastrello.
  • Cosa occorre: il paziente può sottoporsi al prelievo non necessariamente a digiuno.
  • Risultati in quanto tempo: il risultato è disponibile in pochi minuti.
  • A cosa serve: International Normalized Ratio è un parametro che serve a valutare in modo accurato il tempo di protrombina (PT), cioè il tempo necessario alla formazione di un coagulo.
  • Come viene fatto: prelevando una goccia di sangue attraverso una piccola puntura del polpastrello.
  • Cosa occorre: è utile non assumere la terapia anticoagulante prima dell’esecuzione del prelievo, così da permettere al medico eventuali rapide variazioni.
  • Risultati in quanto tempo: pochi minuti.
  • A cosa serve: indica la concentrazione di glucosio presente nel sangue, utile per lo screening e controllo degli stati diabetici, serve per rilevare eventuali variazioni della concentrazione di glucosio nel sangue, sia in caso di aumentate concentrazioni (iperglicemia) che di basse concentrazioni (ipoglicemia).
  • Come viene fatto: prelevando una goccia di sangue attraverso una piccola puntura del polpastrello.
  • Cosa occorre: per la misurazione della glicemia a digiuno occorre un digiuno di almeno 8 ore. Nei pazienti diabetici le concentrazioni di glucosio sono misurate sia a digiuno che dopo i pasti.
  • Risultati in quanto tempo: immediati.
  • A cosa serve: valuta l’andamento medio della glicemia negli ultimi due o tre mesi, utile per la prevenzione e il decorso degli stati diabetici.
  • Come viene fatto: prelevando una goccia di sangue attraverso una piccola puntura del polpastrello.
  • Cosa occorre: nessuna preparazione specifica.
  • Risultati in quanto tempo: pochi minuti.
  • A cosa serve: utile per determinare la presenza di piccole quantità di albumina nelle urine. Il test è utilizzato come screening di un danno renale, soprattutto in soggetti diabetici e/o ipertesi.
  • Come viene fatto: attraverso un campione di urina.
  • Cosa occorre: l’esame viene svolto sulle prime urine del mattino, non eseguire l’esame durante il flusso mestruale, anche la pur minima attività fisica può compromettere la significatività dell’esame.
  • Risultati in quanto tempo: pochi minuti.
  • A cosa serve: è una proteina che costituisce i globuli rossi deputata al trasporto dell’ossigeno dai polmoni ai tessuti, utile per la valutazione di anemie o di altre malattie del sangue.
  • Come viene fatto: prelevando una goccia di sangue attraverso una piccola puntura del polpastrello.
  • Cosa occorre: nessuna preparazione specifica.
  • Risultati in quanto tempo: pochi minuti.
  • A cosa serve: esame completo del sangue che indica la quantità dei globuli bianchi e rossi, piastrine, ematocrito, emoglobina e diversi altri parametri, utile per la valutazione generale dello stato fisico della persona.
  • Come viene fatto: prelevando una goccia di sangue attraverso una piccola puntura del polpastrello.
  • Cosa occorre: nessuna preparazione specifica.
  • Risultati in quanto tempo: pochi minuti.
  • A cosa serve: la proteina C reattiva (PCR) è una proteina prodotta dal fegato e rilasciata in circolo in seguito ad infiammazioneè rilevabile nel sangue, in concentrazioni elevate indica processi infiammatori causati da disturbi, patologie o infezioni. Serve anche per monitorare la risposta al trattamento per una malattia infiammatoria.
  • Come viene fatto: prelevando una goccia di sangue attraverso una piccola puntura del polpastrello.
  • Cosa occorre: è consigliabile un digiuno di almeno 3 ore.
  • Risultati in quanto tempo: pochi minuti.
  • A cosa serve: è un indicatore di possibili malattie della prostata, consigliato nello screening maschile dopo i 40 anni. Misura la concentrazione di PSA (proteina prodotta dalle cellule della prostata) nel sangue.
  • Come viene fatto: prelevando una goccia di sangue attraverso una piccola puntura del polpastrello.
  • Cosa occorre: l’esame può essere effettuato in qualsiasi momento della giornata.
  • Risultati in quanto tempo: 15 minuti.
  • A cosa serve: La valutazione del livello di Beta- hCG (ormone prodotto dalla placenta nelle donne in gravidanza) nel sangue permette di valutare rapidamente lo stato di gravidanza e, in base ai suoi livelli, il procedere della stessa. L’ormone Beta-hCG risulta misurabile nel sangue già dopo la prima settimana dalla fecondazione.
  • Come viene fatto: campione di sangue capillare.
  • Cosa occorre: nessuna preparazione.
  • Risultati in quanto tempo: 15 minuti.
  • A cosa serve: è un metodo diagnostico immediato per la determinazione dello stato di gravidanza, eseguibile anche prima di un ritardo mestruale. Rileva l’ormone Beta-hCG, rilevabile a partire da 12 giorni dopo la fecondazione.
  • Come viene fatto: campione di urine applicato su stick monouso.
  • Cosa occorre: prime urine del mattino, l’eccessiva diluizione dell’urina potrebbe fornire un risultato falsamente negativo pertanto non dovrebbero essere assunte grandi quantità di liquidi prima della raccolta.
  • Risultati in quanto tempo: pochi minuti.
  • A cosa serve: Indicato per l’immunizzazione attiva nella prevenzione della malattia da nuovo coronavirus (COVID-19), causata dal virus SARS-CoV-2.
  • Come viene fatto: Iniezione per via intramuscolare, preferibilmente nel muscolo deltoide del braccio.
  • Cosa occorre: Documento di identità, tessera sanitaria, consenso e scheda anamnestica compilati.
  • Risultati in quanto tempo: La protezione comincia circa 14 giorni dopo la vaccinazione. Come con tutti i vaccini, non garantisce la protezione di tutti i soggetti vaccinati.
  • delle proteine virali (antigeni) per diagnosticare se l’infezione da Sars-CoV-2 è in atto.
  • Come viene fatto: Autotest con prelievo di materiale biologico presente nel naso e/o nel cavo orale.
  • Cosa occorre: Consenso compilato. Il test è rivolto alle persone che non presentano sintomatologia riferibile all’infezione da Covid-19 quali febbre al di sopra di 37,5° C, tosse, mal di gola, mal di testa, raffreddore, debolezza, affaticamento e dolore muscolare.
  • Risultati in quanto tempo: 15-30 minuti.
  • Prenotazione visite specialistiche
  • Prenotazione analisi
  • Cambio medico
  • Attivazione tessera sanitaria
  • A cosa serve: consentono di fornire all’utente farmaci, integratori e prodotti dermatologici non reperibili sul mercato o a dosi e composizioni personalizzate.

Le farmacieScopri le Farmacie più vicine a te!